Spettacolo in abbonamento
Dal 1 al 10 Dicembre
I DITELO VOI

Bang Bank – (L’occasione fa l’uomo morto)

REPLICHE

venerdì 1/12/2023 – 21:00
sabato 2/12/2023 – 17:30
sabato 2/12/2023 – 20:00
domenica 3/12/2023 – 18:00
venerdì 8/12/2023 – 21:00
sabato 9/12/2023 – 17:30
sabato 9/12/2023 – 21:00
domenica 10/12/2023 – 18:00

Napoli. In una banca del Centro Direzionale è in corso una rapina con ostaggi.

Il RAPINATORE (Mimmo Manfredi), mitra sottobraccio e giubbetto imbottito di esplosivi, urla esagitato ai poliziotti all’esterno che, se non gli daranno un’auto per scappare col malloppo, si farà esplodere provocando la morte dei due prigionieri, un IMPIEGATO della banca (Lello Ferrante) e un CLIENTE abituale (Francesco De Fraia). Con il passare dei minuti la pressione cui si sottopone diventa insostenibile, così Mimmo, di punto in bianco, decide di arrendersi.

Ma è proprio davanti all’intenzione di resa del bandito che lo smaliziato cliente avanza una proposta: se dividerà la refurtiva – 3 milioni di euro tondi tondi – gli reggeranno il gioco fino a quando riuscirà a fuggire. Quei soldi cambierebbero la sorte a chiunque, figuriamoci a tre come loro che vivono una vita ben al di sotto delle loro aspettative.

Mimmo tentenna, ormai si era già abituato all’idea della galera. Più trascorre il tempo, però, e più quella di Francesco assume i contorni di un’offerta irrinunciabile.

Una volta convinto, con i due ostaggi ormai complici, si libera del corpetto rimpinzato di esplosivo e lo poggia da una parte. Ma quel gesto goffo e incauto gli risulterà fatale: inavvertitamente, innesca il timer della bomba che, dopo un inesorabile conto alla rovescia, deflagra con una potenza tale da provocare il crollo dell’intero stabile. Per un incredibile favore del destino, i tre si risvegliano praticamente illesi tra le macerie dell’edificio, disposti a tutto pur di tornare in superficie.

Ma quando ormai hanno quasi perso la speranza di salvarsi, l’arrivo della MOGLIE di Lello, con una sconvolgente rivelazione che li riguarda, cambierà per sempre le loro prospettive sulla vita…

Scritto e diretto da: I DITELO VOI e Francesco Prisco

Un grave lutto ha colpito la famiglia del Teatro Totò.
Dopo aver combattuto strenuamente e con serena accettazione contro una malattia difficile da debellare, alle cinque di questa mattina è scomparso a soli 37 anni Salvatore Liguori.
Figlio del direttore artistico dello storicizzato spazio di Foria, Gaetano Liguori e a sua volta attento e passionale direttore dell’Accademia delle Arti Teatrali- Teatro Totò, Salvatore lascia la moglie e un figlio di tre anni.
Da sempre vicino al Teatro Totò, nella vita, oltre che per la sua intensa attività legata al mondo dello spettacolo e della formazione teatrale, Salvatore Liguori si è messo in luce anche come valente e apprezzato fotografo professionista diviso tra le immagini del palcoscenico e la vita di tutti i giorni. Recentemente nel reparto del Cardarelli dove era ricoverato, tra le tante, aveva pure ricevuto la visita dell’attore Stefano De Martino subito trasformata in un momento di benefica distrazione per tutti i degenti della struttura.

I funerali si svolgeranno domani 18 aprile alle ore 12.00 nella Chiesa degli Artisti di San Ferdinando in piazza Trieste e Trento.

Devastati dal dolore comunichiamo che:
•Le attività della scuola riprenderanno lunedì 22 aprile.
•La biglietteria del Teatro riaprirà il giorno martedì 23 aprile.